Home » home made camera

Tag: home made camera

Sperimentare con la fotografia, BrancoType 2018

Durante queste tre giornate del BrancoType Festival, immersi in un contesto paesaggistico e architettonico magico e accogliente, si sono incontrati bambini, adulti, inesperti e professionisti allo stesso livello, senza limiti di età o ambizioni di sorta, ma con una grandissima voglia di conoscersi, ascoltarsi, confrontarsi, mettere mano alla fotografia

Read more

Ursula and her Ultra Large Format photography

Video: Davide “Canesciolto” Rossi |  Written by: Annick Emdin

Mia madre è movimento puro, argento vivo, mercurio.

Sta dall’altra parte dell’immagine, quella dell’obiettivo. Danza intorno alla realtà per catturarla in una fotografia, in effetti, scrittura della luce.

Verso la luce, mi dice.

E io mi giro, osservo intorno a me un mondo sfuocato. Ora non muoverti. Non respirare.

My mother is pure movement, bright silver, mercury.

It is on the other side of the image, that of the lens. Dance around reality to capture it in a photograph, in fact, writing light.

To the light and talking to me.

I turn around, I observe a blurred world around me. Now do not move. Do not breath.

 

Con queste macchine antiche a soffietto bisogna stare fermissimi, perché percepiscono ogni variazione.

Bisogna stare attenti a non battere le palpebre, a non muovere neanche gli occhi, lasciare che l’apparecchio catturi qualcosa che non è visibile a occhio nudo, in questa realtà che si muove.

Lei, che mi ha messo al mondo, mette al mondo adesso la mia immagine, mi sembra di essere diversa in ogni fotografia, rinata, come se fosse stata messa al mondo un’altra me, o fatta prigioniera una frazionaria, infinitesimale versione di me, che era in quel momento e mai più sarà.

Mia madre fa apparire dal nulla in salotto un intero studio fotografico, e le strumentazioni sono così imponenti che non rimane spazio per spostarle.

Ho visto farle apparire lo stesso studio fotografico sull’argine di un fiume e in campagna e in giardino.

Gli artisti differiscono in questo dai comuni mortali, quello che immaginano, lo fanno, lo rendono reale e poi oltre che reale, visibile.

Il tempo rende omaggio all’artista: quella che oggi è solo una tra le mille fotografie di una persona, forse domani sarà l’unica testimonianza dell’esistenza d’una persona tra altre mille, persone andate in polvere senza che nemmeno la loro ombra, la loro luce rimanga.

Così mi sembra che lei mi perpetui, che dopo avermi reso carne, mi fotografi, scriva le mie luci e le mie ombre, per consegnarle in eterno al mondo.

E io poso, mi consegno senza un battito di palpebre, un respiro, mi consegno, come una statua all’eternità.

With these antique bellows machines you have to stay very still, because they perceive every variation.

We must be careful not to blink, not even move the eyes, let the device capture something that is not visible to the naked eye, in this reality that moves.

You, who put me in the world, now brings my image to the world, I seem to be different in every photograph, reborn, as if another me were born, or taken prisoner a fractional, infinitesimal version of me , which was at that time and never will be again.

My mother makes an entire photographic studio appear out of nowhere in the living room, and the instruments are so impressive that there is no room to move them.

 

I saw the same photo studio appear on the embankment of a river and in the countryside and in the garden.

Artists differ in this from ordinary mortals, what they imagine, they do, make it real and then beyond real, visible.

Time pays tribute to the artist: what today is only one of a thousand photographs of a person, maybe tomorrow will be the only evidence of the existence of a person among thousands of others, people gone to dust without even their shadow , their light remains.

So it seems to me that you perpetuate me, that after making me flesh, photograph me, write my lights and my shadows, to deliver eternally to the world.

And I can, I deliver without a blink of an eyelid, a breath, I deliver, like a statue to eternity.

 

Mia madre ha iniziato disegnando, poi ha infuso il movimento nell’immagine fissa, con l’animazione, infine è approdata alla fotografia, rendere fisso un istante nel tempo, eterna un’immagine effimera.

La realtà è un abisso dondolante, vorticoso, la fotografia uno dei modi in cui cerchiamo di fermarla, per comprenderla o per ammirarla.

Così una lastra o una foto restituiscono momenti perduti, sguardi che non sapevamo di avere, seduzioni antiche di persone adesso diverse, o fatte cenere, amicizie rotte, amori disgregati, guerre ormai perse o vinte.

Cosa ne rimane se non le immagini?

Quando ci arrabbiamo con qualcuno, spesso, ne distruggiamo le fotografie, per distruggerne la memoria e quando siamo nostalgici, guardiamo le fotografie perché l’immagine non mente, rimane a memento di ciò che è stato, di ciò che è andato perduto.

 

My mother started drawing, then infused the movement in the fixed image, with the animation, finally she came to photography, making a moment in time fixed, an ephemeral image eternal.

Reality is a whirling, whirling abyss, photography is one of the ways we try to stop it, to understand it or to admire it.

So a plate or a photo return lost moments, looks that we did not know we had, ancient seductions of people now different, or made ashes, broken friendships, disrupted love, wars now lost or vanquished.

What remains if not the images?

When we get angry with someone, we often destroy the photographs, to destroy their memory and when we are nostalgic, we look at the photographs because the image does not lie, it remains at the point of what has been, of what has been lost.

E l’analogico, ancor più del digitale, ha questa funzione, dalla carta ci guardano le immagini del passato, fosse anche l’istante prima della stampa.

Se le distruggiamo, le distruggiamo fisicamente, le spezzettiamo in coriandoli, le bruciamo, diventano cenere.

L’analogico non corregge automaticamente, ecco, ha catturato il respiro, il battito di palpebre, un leggero movimento involontario. Forse è questa la sua bellezza. Non è perfetto. Ci restituisce tutta la caoticità della realtà, l’errore, il fluire, ciò che ci rende umani.

 

And the analog, even more so than digital, has this function, from the paper we look at the images of the past, even if it were the instant before the print.

If we destroy them, we physically destroy them, we break them into confetti, we burn them, they become ashes.

The analog does not automatically correct, here, it has caught the breath, the blink of the eyelids, a slight involuntary movement. Perhaps this is her beauty. It’s not perfect. It gives us back all the chaos of reality, the error, the flow, what makes us human.

 

 

 

Fotografia e terza dimensione

Articolo e fotografie: Davide Rossi

Ho un’ idea molto precisa di cosa intendo con il termine “qualità” ogni volta che mi trovo davanti ad una fotografia.

Già la parola fotografia ci costringe ad una selezione di carattere storico-culturale alla quale non possiamo sottrarci, ognuno di noi già da questo punto, è pregato di fare esame di coscienza attraverso una pillola per la stimolazione dell’onestà intellettuale, sono sullo scaffale tra le medicine invendute.

L’ esperimento che segue è rivolto a tutti quelli che NON scambiano l’accezione del termine “qualità” con l’ingrandimento al 100% sul monitor del PC, di una foto scattata a 35mp.

E qui ho già scremato l’85% dei foto-praticanti.

Quelli che restano sul pezzo, devono avere il coraggio di guardare avanti con gli occhi e indietro con la mente.

Adesso proviamo a raccogliere dei dati oggettivi per poterci orientare anche timidamente nel rispondere a certi quesiti che contengono termini alternativi a brightness, effects, megapixel, noise, resize, resolution, sharpen, saturation… altri termini disponibili sullo scaffale dei più venduti.

Che cosa sto cercando veramente con il gesto del fotografare?

Risposte esempio:

  • di accontentare i fan della mia pagina
  • di accontentare gli amici del club
  • di fare quello che mi hanno detto
  • di ripetere quello che ho visto sul web
  • di postare la foto e dimenticarla
  • di giocare con le attrezzature

Personalmente ritengo che la forma espressiva fotografica necessiti, piuttosto che di una rappresentazione documentativa modificata della realtà, di interpretazione oltre la forma estetica, in un processo che sviluppa contenuti mentali e contenuti visivi.

Se è vero che la figurazione estetica costruisce il reale, ovvero con la tecnica e l’inquadratura noi rappresentiamo forme, norme, regole, criteri e valori, con l’interpretazione come riflessione dell’esperienza possibile dovremmo invece rispondere alla domanda fatta sopra, cosa sto cercando nella fotografia?

Riusciamo a rispondere a questa domanda, oppure l’attuale sistematica metodologia di acquisizione delle immagini impedisce al pensiero di andare oltre ad una mera organizzazione di forma?

E attenzione!

Perché con quanto detto non intendo assolutamente riferire accuse unicamente alla tecnologia digitale, è più che altro una cultura contemporanea che sfrutta persone e mezzi per l’ottenimento del consenso nella massima velocità e nel massimo risultato di ascolti sui social, un modus operandi che ha oltrepassato la linea su cui si rimaneva imprigionati con il mezzo.

La scadenza propositiva mentale facilita chi fa uso di tecniche particolari per affermarsi comunque pur non avendo nulla da dire, la fotografia della tecnica senza la sostanza, altroché HDR, qua si va dal collodio alle antiche tecniche di stampa.

Nel mio piccolo test tra sistemi ho cercato di rappresentare il mito della profondità, della prospettiva e quindi della terza dimensione, un tema trattato con rarità.
Da molti anni studio il fenomeno e sono giunto ad alcune conclusioni di buon senso, ma prima di rivelarle è doveroso ribadire alcuni passaggi storici in un succo concentrato.

L’idea geometrica della prospettiva si affermò in pittura già nel Rinascimento italiano, possiamo dare ad essa la seguente definizione:
” La prospettiva designa un metodo di organizzazione della superficie piana dove tutti gli elementi rappresentati, cielo, oggetti, figure, sono considerati da un unico punto di vista e le dimensioni delle parti sono calcolate matematicamente in base alle distanze tra oggetti e soggetti 

Leon Battista Alberti Architetto e umanista ( 1404-1472), fu il primo a codificare le regole prospettiche attraverso la cosiddetta “piramide visiva“,

piramide visiva

sebbene l’arte della prospettiva non sia un’invenzione Rinascimentale emersa dal nulla, la macchina del tempo ci spinge ben più in là su una teoria di origine araba, un mix tra raggi visivi e geometria della luce, la figura ci mostra comunque, che vi è una complicità tra immagine e sguardo.

E’ importante essere coscienti del fatto che lo “sguardo” o il “punto di vista” sulla prospettiva, non è slegato da una determinata cultura, le sue basi sono connesse con tutto un insieme di valori cresciuti attraverso un processo di conoscenza collettiva, consuetudini sociali, politiche, economiche.

Si, il concetto di profondità è tutto questo, ma anche molto di più.

Il mondo reale è privo di immagini bidimensionali, una rappresentazione di due sole dimensioni che non abbia una collocazione spaziale, non è concepibile dalla mente umana.

L’applicazione delle regole prospettiche torna prepotentemente nella street art con la tecnica definita disegno 3D.

La prospettiva applicata è quella accelerata, la quale estremizza la visione con l’inganno ottico, la percezione di questi effetti sorprendenti è possibile soltanto da un punto di vista. Se infatti dovessimo girare attorno all’immagine essa tornerebbe nella sua bidimensionalità. La tecnica di realizzazione è molto complessa e necessita dell’uso di corde, convergenti in un punto per la creazione della struttura di base, poi segue la colorazione che completa la sensazione di tridimensionalità.

Nell’arte della pittura, la resa della tridimensionalità in un’opera di fatto bidimensionale, è chiamata Plasticità, cioè la capacità di articolarsi nello spazio in modo più o meno accentuato.

Il Ritratto di giovane donna è un dipinto olio su tavola di Rogier Van Der Weyden, databile al 1460 circa e conservato nella National Gallery of Art di Washington
Il Ritratto di giovane donna è un dipinto olio su tavola di Rogier Van Der Weyden, databile al 1460 circa e conservato nella National Gallery of Art di Washington

La si ottiene con vari stratagemmi, con il chiaroscuro, con la variazione degli spessori e dei volumi delle figure.
Già dal quinto secolo a.C. la questione fu affrontata dai pittori greci, in Italia si studiò il problema di come la luce possa illuminare realisticamente un soggetto, evidenziandone un maggiore realismo e quindi senso di rilievo, alla fine del XIII secolo.

Molte scoperte vennero sviluppate da Giotto e Masaccio, fino alla piena espressione dei volumi di Michelangelo e Raffaello.

In fotografia è possibile sviluppare il concetto di plasticità attraverso l’impiego di determinate attrezzature e con l’ausilio della tecnica.

Il punto di messa a fuoco, con la gestione della profondità di campo, sono sicuramente gli elementi principali di studio necessari ad ottenere i primi risultati, i quali possono variare in funzione di ottica impiegata, apertura del diaframma, e distanza del soggetto.

La profondità di campo viene definita estesa quando nell’immagine è tutto perfettamente nitido, oppure ridotta quando invece è percepibile lo sfuocato ed il punto di fuoco si riduce al minimo.
Attraverso lo studio della composizione e della luce, si può ottenere una variabile sensazione di tridimensionalità, sia che scegliamo di realizzare la foto tutta nitida, sia che scegliamo di farla nitida in un sol punto e di sfuocare il resto nella maniera maggiore possibile.

La variabile ulteriore, che può determinare una differenza in questo tipo di ricerca oltre a ottica, diaframma e distanza del soggetto, è la scelta del formato fotografico impiegato.

Le fotocamere grande formato hanno la peculiarità di poter aumentare molto la sensazione di tridimensionalità grazie ai corpi mobili, i quali permettono esaurienti correzioni prospettiche con i movimenti di decentramento, ma anche soluzioni creative insolite nella scelta dei piani di fuoco attraverso il basculaggio.

 

 

Le mie conclusioni finali in ambito di tridimensionalità mi hanno condotto ad una drastica soluzione in materia di attrezzature e tecnica adottata, ma soprattutto posso testimoniare e provare abbondantemente, che la materia assoluta capace di raggiungere la tridimensionalità, è la pellicola.
Se si cercano la profondità o la plasticità, quella è la via!

E’ inutile perdere tempo in chiacchiere su sistemi o tecnologie, dopo molti anni di sperimentazione nel mio laboratorio, il Fine Art Labo, posso liberamente affermare e dimostrare, che la pellicola rende la sua massima tridimensionalità attraverso le lenti di un ingranditore.
Ho stampe in cui oggetti e soggetti sembrano posati sopra la carta fotografica, negli ingrandimenti spinti, ovvero in stampe fino a 1,70 metri di lunghezza, si ha la sensazione di cadere dentro l’immagine, in pratica una versione fotografica della prospettiva accelerata proposta da Julian Beever nelle sue opere di street art.

Il punto di messa a fuoco in un ritratto realizzato in grandissimo formato, è talmente selettivo da ridurre la profondità di campo a pochi millimetri, le straordinarie possibilità di basculaggio permettono di seguire anche la rotazione ed inclinazione che può avere il soggetto.

In questi casi è necessario l’uso di una speciale stampella che mantiene immobile il soggetto, la sfocatura è talmente ampia da mettere a rischio il lavoro spostando il punto di fuoco dagli occhi alla punta delle ciglia.

Il respiro è anch’esso un rischio.

Meglio evitarlo nel momento dello scatto.

 

 

L’esperimento finale mostra i risultati di un confronto tra sistemi, il 35mm, il grande formato 10x12cm (4×5″) ed il grandissimo formato 20x25cm (8×10″), nel quale la parte sensibile è formata da ben 4 pellicole piane 10×12 unite insieme con del nastro adesivo trasparente nello chassis portapellicola.

La differenza dello sfuocato e della profondità di campo tra i diversi formati sono notevoli, fatta opportuna considerazione del divario visivo tra pellicole nella realtà e viste dal monitor, si potrebbe testimoniare che nel formato 20x25cm assumono un aspetto di livello mistico, l’uso della pellicola nella sua specifica peculiarità di rotondità, colore, spessore materico, sfumature infinite, portano l’occhio a raggiungere un livello di soddisfazione visiva tale da placare la mia sete di tridimensionalità.

Ecco finalmente tradotto il mio personale significato della parola qualità, voi raccontate il vostro.

 

 

The Mystery Box

Intro: Davide Rossi | Written by: Melania Volpato 

 

Branco Ottico is a team of restless people.

The kind invitation to exhibit at the Photography Festival “Polesine Fotografia”, has turned into a proposal to organize a performance in the style that characterizes the group. So we chose to invent a “surprise photo event”, no one would know what we wanted to organize and what could be inside our Mystery Box, probably even us …

We got the good idea to build a huge passport camera with an inside darkroom, all made in cardboard, a lot of tape and other recycled materials. The photographic results surprised us, as well as surprised all the participants who have seen coming out of a hole in the box, a passport photo 30x40cm, an unique awesome portrait on gelatin silver photographic paper.

But here is the story of the day directly from the words of friend of us, Melania.

Il Branco Ottico è un gruppo di persone irrequiete. Il gentile invito ad esporre al Festival della Fotografia “Polesine Fotografia”, si è tramutato in un proposta per organizzare una performance, nello stile che contraddistingue il gruppo. Così abbiamo scelto di inventarci un “evento fotografico a sorpresa”, fino alla data prevista infatti, nessuno avrebbe saputo cosa ci potesse essere dentro la nostra Mystery Box, probabilmente neanche noi… Ci è venuta la brillante idea di costruire una gigantesca macchina fotografica per fototessere con camera oscura integrata, tutta fatta in cartone, moltissimo nastro adesivo e altri materiali di recupero. Il risultato fotografico ci ha sorpresi, così come ha sorpreso tutti i partecipanti che hanno visto uscire da un buco dello scatolone, una fototessera di misura 30x40cm con un ritratto dalle caratteristiche uniche su carta fotografica fotosensibile.
Ma ecco il racconto della giornata direttamente dalle parole della nostra amica Melania.

 

The invitation received by Branco Ottico was very mysterious, even though I tried to steal some information, Davide “the madman” Rossi was playfully airtight and helpful not at all.

Polesine Fotografia, photography festival’s third edition, on this particular occasion has hosted Branco Ottico’s performance.

Then at 10:00, in Fratta Polesine at Badoer Villa’s, my curiosity has been satisfied. The villa was designed in 1554 by architect Andrea Palladio, I found it delicious and focused, very well kept.

For priority reasons I have not visited the archaeological museum that is hosted in the Villa, although caught my attention.

L’invito ricevuto dal Branco Ottico era molto misterioso, nonostante avessi cercato di carpire qualche informazione, Davide “il pazzo” Rossi è stato giocosamente ermetico e per nulla d’aiuto.
Polesine Fotografia, la manifestazione polesana giunta alla terza edizione, in questa particolare occasione ha ospitato la performance del Branco Ottico.
Quindi, alle ore 10:00 a Fratta Polesine davanti alla Villa Badoer, io e la mia curiosità eravamo ancora da soddisfare. La Villa, progettata nel 1554 dall’architetto Andrea Palladio, l’ho trovata deliziosa e concentrata, tenuta molto bene.
Per motivi di priorità non ho visitato il museo archeologico che la Villa ospita, anche se ha attirato la mia attenzione.

 

In the large garden, resting on the ground, there were so many beautiful things that made me puzzled and amused me at the same time.

Under the bright sun, who would ever have thought to experiment with developing baths, fixing, photo papers?
Who else but them, Branco Ottico!

The surprise photography event called Mystery Box, kept his secret until last minute when it finally became a reality.

Nel grande giardino interno, appoggiate per terra, vi erano tante belle cose note che mi rendevano perplessa e allo stesso tempo divertita.

Sotto a quel bel sole, chi avrebbe mai potuto pensare di cimentarsi con vasche di sviluppo, fissaggio, carte fotografiche?
Chi se non loro, il Branco Ottico!

L’ evento fotografico a sorpresa denominato Mystery Box, tenuto segreto fino all’ultimo, si stava finalmente trasformando in realtà.

The crazy idea was to recreate a great passport photos camera completely in cardboard, tape and other recycled materials.

This mega construction was divided in two parts, one reserved for all laboratory work and darkroom operations, practically a mini apartment including photographer and one portraits area, one small photographic studio with flash lights inside shoeboxes and covered with baking paper.

After the hardworking shooting step, the portrayed subject had the task of closing the cover that served as a shutter.

The incredible thing?

The shouts made by Davide Rossi, sealed for hours in the cardboard laboratory, every time he saw the photograph appear completed.

 

 

L’idea era quella di ricreare una grande fotocamera per fototessere completamente in cartone, nastro adesivo ed altri materiali di recupero.

Questa mega costruzione era divisa in due, una parte riservata a tutto il lavoro di laboratorio e camera oscura, praticamente un mini appartamento con fotografo incluso e la parte riservata al soggetto, una minuscola sala posa con flash all’interno di scatole da scarpe ricoperte di carta da forno.

Dopo la laboriosa fase dello scatto, il soggetto doveva chiudere lo sportello che fungeva da otturatore.

La cosa fenomenale?

Le grida di soddisfazione di Davide, sigillato per ore nel laboratorio di cartone, nel veder apparire il negativo che poi avrebbe passato in positivo.

And then understandable amazement of participants and visitors of the Villa.

In short, a decidedly alternative April 25. These are things that served with passion and enthusiasm, also create interest of those who know nothing of the darkroom.

I’d love it me too, if I had not already.

E poi lo stupore comprensibile dei partecipanti e dei visitatori della Villa. Insomma un 25 aprile decisamente alternativo. Sono cose queste che condite con passione ed entusiasmo, creano interesse anche su chi non sa nulla di camera oscura. Me ne sarei innamorata pure io, se non lo fossi già.

 

 

The Mystery Box

video by Andrea Casanova

 

 

 

pictures made with Mystery Box

 

La fotografia oltre il mezzo

Prefazione: Davide Rossi | Articolo: Roberto Cherri

 

Iniziamo ad apprendere la fotografia costruendoci la fotocamera.

Questa la motivazione alla base di un corso strutturato per rompere gli schemi mentali.

Ma come è andata poi?

Non c’era tempo per la cura, la curiosità era quella della scoperta, il fremito quello del parto.

Scatole come fotocamere, lenti di ingrandimento come ottiche con focali da 50mm a 680mm, coperture oltre i 30x40cm.

Chissà cosa avrebbero prodotto quelle lenti, quali atmosfere sfocate e quali modulazioni della luce…
E se usassimo due lenti sfalsate? E se le usassimo come macro?

La carta fotografica diretta come materiale sensibile ha permesso di velocizzare il processo in camera oscura, il taglio del formato ed il caricamento nelle fotocamere appena create, non sono stati certo rispettosi della fotografia fine art.

I soli tre iso della carta fotografica fotosensibile sono stati causa di spari ad alta intensità luminosa, l’esposimetro del Branco Ottico ha sicuramente aiutato nel calcolo dell’esposizione.

Materiale occorrente:

Exposure Wheel del Branco Ottico
scatole di cartone a volontà
lenti di ingrandimento varie
forbicine colorate
nastro adesivo e vernice nera opaca
carta da forno come schermo per mettere a fuoco
camera oscura e carta fotografica

L’IDEA CREA Le possibilità

di Roberto Cherri

Inizialmente mi trovai in uno spazio temporale indefinito, da dove potevo scorgere nativi digitali intenti a scattarsi selfie col loro nuovo smartphone.

Fluttuavo sopra essi cercando riferimenti concreti, elementi tangibili che mi indicassero qualcosa. D’improvviso scorsi scatole di cartone, forbici, rotoli di nastro adesivo, lenti di ingrandimento e tanti altri oggetti che parevano non avere un filo logico che li potesse collegare. Così ho preso coraggio ed ho iniziato a focheggiare con una lente che proiettava fasci di luce contro una parete.

Iniziavo a comprendere.

Mi resi conto che intorno a me c’erano altri viaggiatori, anch’essi intenti a comprendere ed utilizzare gli strumenti che avevano a disposizione. Unendo le nostre forze capimmo che applicando la lente su una scatola di cartone e sigillando ogni fessura con del nastro adesivo, sarebbe stato possibile direzionare la luce su uno schermo di messa a fuoco, dove avrebbe fatto la sua comparsa una nitida immagine capovolta di ciò che avevamo di fronte.

Avevamo costruito una scatola fotografica.

Questa scatola funzionava nè più nè meno come una moderna fotocamera digitale, ma ci stupiva che potesse farlo senza tanta tecnologia anzi, al contrario, con semplici materiali di recupero. Ed utilizzando carta fotografica, opportunamente preparata in camera oscura, inserita in un coperchio a tenuta di luce giungemmo alle prime rudimentali immagini: vere, concrete, tangibili, affascinanti immagini.

A questo punto sorsero i primi problemi tecnici di varia natura, e scoprimmo che una bomboletta di vernice nera era in grado di risolvere molti problemi (oltre a permettervi di scrivere sui muri i messaggi alla vostra donna del cuore), e che un paraluce non serviva solo a riparare la lente da urti accidentali.

Ci è stato possibile ottenere vere fotografie, prima come immagini impresse su carta negativa, poi invertite alla luce di un ingranditore e adagiate in freschi bagni di sviluppo e fissaggio: così comparvero i primi lavori in bianco e nero.

Durante questo viaggio ho percepito il vero senso della fotografia, quello dove conta l’idea ed il processo creativo, dove non servono megapixel o ottiche da migliaia di euro per poter ottenere una fotografia.

Ho compreso più che in ogni altra occasione l’importanza del tempo e la superficialità del “tutto e subito” che molto spesso guida i nostri istinti fotografici.

La scuola del futuro è adesso

Articolo: Davide Rossi

 

Sono stato in una scuola.

Tutto si muoveva attorno alla scoperta di attività creative e sullo scambio interattivo diretto tra insegnanti ed alunni, i laboratori al suo interno si svolgevano tra curiosità e piccoli sguardi timidi, che pian piano diventavano sorrisi.

Gli orari delle lezioni accoglievano le necessità di tutti, ognuno aveva la possibilità di approfondire le scoperte da cui era più attratto, come ad esempio la fotografia.

Una materia nota, ma molto diversa da quello che si potrebbe immaginare.

Un viaggio alla scoperta dei fondamenti costruito intorno alla fotografia primordiale, sorprendenti e misteriose magie come in una sorta di viaggio nel tempo e nell’arte, una stregoneria contemporanea.

Sono stato in una scuola in cui gli occhi dei ragazzi e degli insegnanti brillavano della stessa luce, il fiume di curiosità aumentava sempre di più coinvolgendo anime e cuori.

 

Ne sono sicuro, tutto questo non è stato un sogno perché scorrendo le fotografie ritrovo quelle emozioni e quei momenti vissuti a massima velocità, non era possibile fermarsi per realizzare quanto stava accadendo, io lo posso fare soltanto adesso, attraverso gli attimi colti e le forti passioni ancora pulsanti.

Quella scuola può esistere e può cambiare la vita di tutti. Chiamiamolo esperimento. Pensiamolo come futuro possibile, un futuro che può essere adesso.

E’ proprio attraverso la forte volontà e gli sforzi di alcuni che le cose si possono cambiare, il progetto SLOW SCHOOL dell’Istituto Comprensivo di Montegrotto Terme ne è l’esempio lampante.

Tre giorni di attività grazie alle quali i ragazzi della scuola media hanno potuto vivere esperienze che potrebbero cambiare la vita, dando loro degli strumenti formidabili per affrontare il futuro con più decisione, il fine più alto che può avere un percorso educativo.

Costruire una fotocamera con cartone e nastro adesivo per poi farla funzionare veramente, non è impresa facile neanche per gli esperti del BRANCO OTTICO e FREQUENZE VISIVE, eppure lo abbiamo fatto tutti assieme, tra decorazioni personalizzate e lunghezze focali inimmaginabili prodotte dalle lenti di ingrandimento biconvesse comprate all’emporio cinese.

Realizzare cianotipie dopo essersi ritratti e giocare stampando su palla, ceramica, foglie, vetro, stoffe, lenzuola, ci ha riportati tutti alla stessa dimensione fanciullesca, uno spazio mentale che non teme l’espressività personale, così come un bambino non si fa riguardi nell’inventarsi nuovi giochi, noi tutti abbiamo liberato l’enfant prodige latente da dentro di noi.

Una corsa contro il tempo scandita da urla di soddisfazione per ogni opera uscita dalla camera oscura, per far fronte agli imprevisti e concludere i laboratori è servita tutta l’esperienza necessaria, compresa quella utile a realizzare che il materiale fotosensibile non tollera buchi nella fotocamera, oppure rifrazioni di luce causate da scatole bianche al proprio interno.

Magari potremmo anche parlare del termine “corretta esposizione” da mettere in pratica con una lente di ingrandimento sconosciuta e con una mano come otturatore.

Sto pensando adesso che ho imparato molto. E questo avviene a scuola.

Cambiare si può, dipende da noi.

Loro, i ragazzi, sono il futuro.

Non esiste un investimento più grande, non esiste “giocata” migliore.

Io punto tutto quello che ho, con il BRANCO OTTICO e i progetti con le scuole il cambiamento è già iniziato.

 

 

Come costruirsi la propria Macchina Fotografica

articolo di DAVIDE ROSSI
" Ciao! Devo costruire delle fotocamere di cartone con scatole da scarpe, mi serve una cosa semplice e che funzioni bene perchè devo insegnare fotografia ai bambini in Albania e là non ci sono tante possibilità...

Inoltre servirebbe un modo per sviluppare istantaneamente le foto, ci dobbiamo arrangiare, non ci sono mica laboratori o cose simili, si può fare??
 Ah, una cosa importante, devo poter contare su tempi di posa abbastanza veloci, mica posso imbalsamare i bambini per fare una foto..."

"Ok, nessun problema!"

Questa espressione è un po’ il mantra del mio studio-laboratorio Fine Art Labo, risposi così anche a quelle strane domande fatemi da Corrado, che ho conosciuto in un social network.
Corrado, fotografo di mestiere, presta volontariato fin dall’infanzia, durante gli anni di attività in Italia, Africa e Albania, ha compreso a fondo l’importanza di aiutare persone più svantaggiate, cogliendo i valori di un reciproco arricchimento morale.

” Non mi sento rappresentato da questa società, sempre maggiormente basata sull’ipocrisia e sul cattivo esempio, promette ma non mantiene, mi sento cittadino del mondo e non prigioniero di un Paese… tanto meno di 4 mura.”

In Albania terrà dei laboratori didattici sulla fotografia, insieme ai bambini creerà delle macchine fotografiche partendo da una scatola da scarpe, aveva bisogno della mia collaborazione per raggiungere il suo scopo e si presentò nel mio studio con una scatola, nastro adesivo, forbici, taglierino e puntatrice.

” sono mesi che studio la situazione a Scutari, Albania, la mia intenzione è svolgere in loco il lavoro di fotografo una volta finito il periodo di volontariato. Vorrei poter fare un vero e proprio reportage assistito dalla mia compagna Federica.”

Corrado aveva già costruito un prototipo che si basava sul principio del foro stenopeico.

Esso fonda il proprio funzionamento sull’ esempio dell’occhio umano, stiamo parlando di intuizioni ed accostamenti alla camera oscura, fatti da Leonardo Da Vinci intorno al 1500.

costruirsi la propria macchina fotografica - occhio

Il foro stenopeico, ovvero un semplice forellino di qualche decimo di millimetro sulla superficie di un oggetto, lascia passare una parte dei raggi luminosi i quali vengono proiettati all’interno dell’oggetto stesso formando un’immagine che ha due caratteristiche, quella di essere reale, quindi proiettata su uno schermo e quella di essere capovolta.

costruirsi la propria macchina fotografica - Camera ObscuraQuesto genere di fotografia ha caratteristiche molto particolari, estesa profondità di campo, nitidezza limitata ed ha bisogno di molta luce per compensare le dimensioni infinitesimali del forellino, che spesso costringe a tempi di posa molto lunghi.

Corrado definisce il suo prototipo “scatola fotografica professionale” poiché è costruita con una lente di ingrandimento biconvessa al posto del forellino, la quale fornisce una lunghezza focale di 90mm e permette una apertura fissa di f2, garantendo una luminosità eccellente e di conseguenza un tempo di posa breve, che calcolai in 1/60 all’ombra.
Il risultato fotografico si discostava dal classico foro stenopeico.
Il progetto necessitava però di diverse modifiche per poter funzionare bene e dare un risultato fotografico di impatto, costante. La volontà e era quella di creare un oggetto da poter riprodurre in serie facilmente, costituito di materiali reperibili nel cassetto della credenza.

 

 

Decisi di usare della carta fotografica diretta come materiale sensibile da porre dentro la “scatola fotografica”, è l’unica via per poter sviluppare delle foto in luce di sicurezza di una camera oscura improvvisata, magari trasportabile. Un bel vantaggio per chi può contare solo sulle proprie risorse e si trova in giro per il mondo, l’ unico problema da superare è la bassissima sensibilità delle carte che si aggira intorno a ISO 3 e che in genere costringe a tempi di posa molto lunghi.

La scatola prototipo era stata arricchita da un sistema di messa a fuoco mobile costituito da una scatola più piccola che scorre all’interno di quella più grande e con un bellissimo vetro smerigliato fatto con il nylon di una sportina. Visione progettuale affascinante, ma poco funzionale, la scatola tirava dentro parecchia luce……
Ovviai al problema con un piccolo pezzo di stoffa nera posto sulla sezione della scatola dedicata alla messa a fuoco.
Adesso mancava un otturatore, la lente usata è talmente luminosa da non poter permettere il classico uso di un tappo per eseguire la posa, tutti i risultati davano una forte sovraesposizione.

Serviva una cosa facile da usare e costruire, che permettesse di ottenere un tempo di otturazione di 1/60 di secondo circa. Mi inventai una tendina a tenuta di luce fatta di cartoncino e pass-partout, per azionarla è sufficiente tirarla con la mano, si presenta brutta da vedere, ingombrante, ma funziona.
Ultimate le modifiche ed aggiustato il prototipo, iniziammo una sperimentazione estenuante, fatta di fondamenti di fotografia e tentativi di esposizione. La lunga giornata di lavoro condusse a dei buoni risultati, la messa a fuoco variabile si confermò efficace per le foto di ritratto.

 

” In Africa vado in Togo tramite l’associazione Oltre i Confini Onlus (alla quale è possibile destinare il 5×1000). Là il compito dei volontari è quello di costruire una scuola. Abbiamo scelto questa destinazione perché ci da la possibilità di vivere assieme alle persone del posto, in quel villaggio manca anche l’indispensabile come l’acqua e la corrente elettrica.

La soddisfazione più grande? Ricevere un grazie o un sorriso sincero ma soprattutto vedere che unendo le conoscenze e le forze si possono ottenere risultati inimmaginabili”