Home » cianotipo

Tag: cianotipo

Sperimentare con la fotografia, BrancoType 2018

Durante queste tre giornate del BrancoType Festival, immersi in un contesto paesaggistico e architettonico magico e accogliente, si sono incontrati bambini, adulti, inesperti e professionisti allo stesso livello, senza limiti di età o ambizioni di sorta, ma con una grandissima voglia di conoscersi, ascoltarsi, confrontarsi, mettere mano alla fotografia

Read more

Aspettando il BRANCOTYPE Festival 2018

Articolo:  Aleks Falcone |  Fotografie:  Aleks Falcone, Marco Crivellaro

Happiness is a warm shot. I miei giorni al BrancoType

Colonna sonora: The Beatles, White Album.

 

Un festival di fotografia sperimentale è come un trentatré giri. Si porta le canzoni incise addosso.

Appoggi la puntina e gli eventi scorrono da sé. Basta ascoltare, guardare la copertina, leggere i testi.
Multimediale analogico.
Quando la musica finisce, il fruscio del solco centrale è il suono di ciò che del BrancoType Festival ti resta a girare dentro. Ma se non c’eri, tu che ne sai.

 

 

Track: Blackbird – Era la sera di un giorno duro, giovedì. La cordicella del vip pass s’arricciava.
C’era cibo rapido e vino frizzante.
C’erano artisti colorati, immagini in bianconero, creazioni.
Le foto esposte si lasciavano guardare. Hai visto quelle grandi, dipinte con la luce?

Poi è arrivata l’ora dell’esperimento.

You were only waiting for this moment to arise. Nell’abbassarsi delle luci, l’eccitazione delle cose imminenti.
Prima resta in luce solo il volto. Poi spegnete tutto, anche gli schermi in tasca.
C’è l’artista e una penna luminosa.

Avevi mai visto disegnare nel buio?

Il soggetto resta immobile, agli spettatori è concesso masticare. Apri e chiudi.

 

 

Track: Revolution 9 – Lo scatto è solo l’inizio del gioco. Il mattino di venerdì arriva come un’Alba bionda.
Sara ci racconta il suo modo di piegare le idee con le mani. Colla, oggetti, pennarelli, pensieri, pezzi di plastica e dubbi possono entrare dentro una immagine, basta trovare la porta. Nel mixer metti parole, burro e zucchero, poi immagini biscotti e sforni emozioni dalla stampante.

Tu comincia a fare.

Se serve, usa del cartone. Aggiungi un pezzetto alla volta. Se serve, usa la luce della finestra. Fai il ritratto al risultato e poi vai avanti.

Il talento è non sedersi, l’ispirazione non prende l’ascensore. Sara dice “prova!” e sorride. They are standing still. Tu stampane un’altra e ricominciamo. Io sbroglio la cordicella e vi raggiungo.

 

Track: Glass Onion – Il Banco Ottico (ricordi? Adams, volume uno), conoscerlo di persona è un’altra cosa.
Davide lo presenta a tutti, lui s’inchina e ciascuno avrà modo di sbirciare sotto il panno nero. La prima cosa è la luce. Metti a fuoco un bel volto smerigliato.
La foto segue come un testimone.
To see how the other half live.
Il cortile illuminato, consente varie riflessioni. Il pass è sulla schiena, maledetta cordicella.
Il passo successivo è la camera oscura.

 

 

Track: Savoy Truffle – È il luogo a luci rosse dove impressioni negative si fanno stampe.
Esser positivi, esser sensibili: assegni alle parole altri significati.
The sweat is gonna fill your head.

C’è della magia: dal telefono alla carta fotografica senza cavi e senza gettoni.

Al buio, conta fino a sedici in russo ad alta voce.
Più o meno il tempo che impiega la cordicella per attorcigliarsi, senza mani.
Abracadabra non è la parola giusta, ma è la prima che viene in mente. Fatto lo sviluppo, siamo fotografi adulti.

 

Track: Honey Pie – Passano torme di crepitanti dueruote odorose e vocianti.
Dentro, moduliamo Frequenze Visive, fotografia e pittura, impressioni su libri, vite, arte e altre sciocchezzuole importantissime.
Di tutte le parole, qualcuna ti colpisce, accende una idea, mostra qualcosa che credevi di sapere. Intanto lo stormo va via. Fossero state vespe, avrebbero nidificato.
Come and show me the magic.
Uno dei pionieri del cinema era un illusionista. Tu chiamala, se vuoi, lanterna magica. C’è stato un tempo in cui la Luna di Méliès era famosa.
You became a legend of the silver screen.

Noi ci guardiamo negli occhi, ridiamo.

 

 

Track: Dear Prudence – In fondo al giorno, intenso, ci dedichiamo a fotografie che fermano, per miracolo, identità temporanee, casuali, impreviste, imposte dalla malattia. Memorie di un tempo senza memoria.
Like a little child.
È il tentativo di raccontare un vuoto, la perdita di tutti i tuoi racconti, ricordi, cose, persone, affetti.
Let me see you smile again.
Ecco le foto, il video, le parole.
La serata – intensa, davvero – è breve.
Con gli occhi sullo schermo, sciolgo la cordicella. Una chitarra sottolinea il momento.

 

Track: While My Guitar Gently Weeps – È ora, mi spiace, andiamo, t’accompagno. E invece la fontana, il bambino con l’acqua, le auto che si fermano, guardano e vanno via, un sacco di parole sparse sulla panchina e no che non ti lamenti, continua a parlare.
I don’t know why nobody told you.
Finché il venerdì smette di scorrere e si ferma un attimo, prima di finire.

C’è quel silenzio del giorno prima che non c’è più.

Forse è il momento di salutare. Ciao, ci scriviamo.

 

Track: Don’t Pass Me By – È un sabato che sembra la dépendance di venerdì.

Tra noi c’era della chimica.

Ferrocianuro di potassio, se lo dici col tono giusto, fa paura.
Don’t make me cry, don’t make me blue.
E la cordicella s’arriccia come carta umida.
Se sai usare i pennelli, è ora di mostrarlo. Se sai usare il phon, anche. Il rullo è la felicità d’un fanciullino.
Stampo Roberta in negativo per fare impressione.
Abbronzarsi non è il vero scopo, ma è il primo che viene in mente.
Esponi cinque minuti, poi i tuffi.
I hear the clock a’ticking.
Sciacqua, risciacqua, ossida e poi il posto al sole.

 

 

Track: Cry Baby Cry – La pausa arriva fino al tramonto. L’ora che sboccia il teatro. In queste Stanze, al buio delle candele, silenzio, per favore, fate passare.
Alessandra cerca una uscita.
Perché solo visti da fuori siamo quel che siamo e non chi crediamo di essere.
Make your mother sigh: she’s old enough to know better.

Il fantasma era lei, la bambina lo sarà, nello specchio siamo tutti.

Ora accendi la luce, abbracciala e inchinati. Altrimenti non va via nessuno.

 

 

Track: Everybody’s Got Something to Hide Except for Me and My Monkey – Il sabato finisce in pizzeria. Discorsi leggeri, argomenti profondi.
The higher you fly, the deeper you go.
Ci vuole dell’alcol. La felicità è una pizza calda, quando hai fame.

 

Track: Why Don’t We Do It in the Road? – Metti una domenica mattina a parlare di composizione con ‘sta cordicella arravogliata al collo.
Why Don’t We Do It in the Road?
Poi qualcuno propone escursioni.
Why Don’t We Do It in the Road?
Ma è ora di pranzo. Aspettiamo il gran finale.

 

Track: Helter Skelter – Chiedi cos’è steampunk, ed ecco le macchine, i teschi, i dettagli rivelatori. Ci sono regine, armi grandiose, scene curiose. Il professore fuma la pipa.
I’m coming down fast but I’m miles above you.
È il futuro di un passato alternativo. Passiamo anche noi, prendiamo immagini e torniamo.
Dimentica tutto, allunga la focale e scatta. La ragazza beve del the, una lady alata è lì che non vola.
She’s coming down fast, yes, she is.
Seguili fuori. Orologio non è la parola giusta ma è la prima che viene in mente. Ora spostati, fa un passo indietro, look out, ‘cause here she comes, lasciala passare, cogli l’attimo della foto ricordo. Come se tutto ciò si potesse scordare.

 

 

Track: Happiness is a Warm Gun – Non ci pensi, ma tutto ha una fine. Finisce che nella foto ricordo ci sono pure io. La cordicella finalmente tranquilla.
The man in the crowd with the multicolored mirrors on his hobnail boots.
Non ci pensi subito, perché il fruscio ti resta a girare dentro. Aspetti finché smette. Ed è in quel preciso momento che comincia a mancarti.

Ma se non c’eri, tu che ne sai.

Bonus track: I’m So Tired.

 

 

 

La scuola del futuro è adesso

Articolo: Davide Rossi

 

Sono stato in una scuola.

Tutto si muoveva attorno alla scoperta di attività creative e sullo scambio interattivo diretto tra insegnanti ed alunni, i laboratori al suo interno si svolgevano tra curiosità e piccoli sguardi timidi, che pian piano diventavano sorrisi.

Gli orari delle lezioni accoglievano le necessità di tutti, ognuno aveva la possibilità di approfondire le scoperte da cui era più attratto, come ad esempio la fotografia.

Una materia nota, ma molto diversa da quello che si potrebbe immaginare.

Un viaggio alla scoperta dei fondamenti costruito intorno alla fotografia primordiale, sorprendenti e misteriose magie come in una sorta di viaggio nel tempo e nell’arte, una stregoneria contemporanea.

Sono stato in una scuola in cui gli occhi dei ragazzi e degli insegnanti brillavano della stessa luce, il fiume di curiosità aumentava sempre di più coinvolgendo anime e cuori.

 

Ne sono sicuro, tutto questo non è stato un sogno perché scorrendo le fotografie ritrovo quelle emozioni e quei momenti vissuti a massima velocità, non era possibile fermarsi per realizzare quanto stava accadendo, io lo posso fare soltanto adesso, attraverso gli attimi colti e le forti passioni ancora pulsanti.

Quella scuola può esistere e può cambiare la vita di tutti. Chiamiamolo esperimento. Pensiamolo come futuro possibile, un futuro che può essere adesso.

E’ proprio attraverso la forte volontà e gli sforzi di alcuni che le cose si possono cambiare, il progetto SLOW SCHOOL dell’Istituto Comprensivo di Montegrotto Terme ne è l’esempio lampante.

Tre giorni di attività grazie alle quali i ragazzi della scuola media hanno potuto vivere esperienze che potrebbero cambiare la vita, dando loro degli strumenti formidabili per affrontare il futuro con più decisione, il fine più alto che può avere un percorso educativo.

Costruire una fotocamera con cartone e nastro adesivo per poi farla funzionare veramente, non è impresa facile neanche per gli esperti del BRANCO OTTICO e FREQUENZE VISIVE, eppure lo abbiamo fatto tutti assieme, tra decorazioni personalizzate e lunghezze focali inimmaginabili prodotte dalle lenti di ingrandimento biconvesse comprate all’emporio cinese.

Realizzare cianotipie dopo essersi ritratti e giocare stampando su palla, ceramica, foglie, vetro, stoffe, lenzuola, ci ha riportati tutti alla stessa dimensione fanciullesca, uno spazio mentale che non teme l’espressività personale, così come un bambino non si fa riguardi nell’inventarsi nuovi giochi, noi tutti abbiamo liberato l’enfant prodige latente da dentro di noi.

Una corsa contro il tempo scandita da urla di soddisfazione per ogni opera uscita dalla camera oscura, per far fronte agli imprevisti e concludere i laboratori è servita tutta l’esperienza necessaria, compresa quella utile a realizzare che il materiale fotosensibile non tollera buchi nella fotocamera, oppure rifrazioni di luce causate da scatole bianche al proprio interno.

Magari potremmo anche parlare del termine “corretta esposizione” da mettere in pratica con una lente di ingrandimento sconosciuta e con una mano come otturatore.

Sto pensando adesso che ho imparato molto. E questo avviene a scuola.

Cambiare si può, dipende da noi.

Loro, i ragazzi, sono il futuro.

Non esiste un investimento più grande, non esiste “giocata” migliore.

Io punto tutto quello che ho, con il BRANCO OTTICO e i progetti con le scuole il cambiamento è già iniziato.

 

 

Report Cyanotype Day 2015

ARTICOLO DI ALLE BONICALZI

Questo articolo è scritto da Alle Boniscalzi, una partecipante del Cyanotype Day 2015.
Il Branco la ringrazia per la sua gentilezza e per il suo entusiamo. Buona lettura!


Io odoro il blue Kline.

E quando quelli del Branco Ottico hanno invitato noi Fotografi Pigri a una due giorni di cyanotipia… be’, non me lo sono fatto ripetere due volte!
Ma quando mai mi ricapita di poter pastrugnare con carte, reagenti, lampade UV e bagni d’acqua ossigenata per “cucinare” splendide, maestose, potentissime stampe blu?!
Ovviamente per “pastrugnare” io intendo esattamente questo: sperimentare in modo convulsivo, con gestualità possente; cioè schizzare roba-che-poi-diventa-blu un po’ dovunque!

Bellissimo.
Mi par di tornare bambina.
A volte ci si dimentica del lato ludico – finanche goliardico – della fotografia… a volte lo dimentico io, ma non lo dimenticano loro, quelli del Branco!
Davide e Matteo, e poi Cristina, Federica, Andrea, Luca, Matteo e Maikel… più che un branco, si comportano come una famiglia. E una famiglia moooolto accogliente.

La prima cosa che colpisce, in loro, è la passione. Smodata.
Passione per la cianotipia che è passione per il fare fotografia e farlo insieme. Farlo per contagiare il mondo intero!
Per loro ricerca, sperimentazione e lavoro paiono essere sinonimo di happening.
E, infatti, quando arrivi all’Atelier della Fotografia a Polesella, zanzare a parte, ti imbatti in uno scenario a dir poco bizzarro: la frenetica attività che ci ha coinvolti per cianotipizzare il mondo si è svolta tra un tavolo imbandito per un pic-nic perenne, un laboratorio/antro magico buio e caldo da far svenire, e un boschetto ‘metafisico’ costellato di pezzi di manichini e sinistri palloncini giganti. Tra due alberi, una corda tesa aspettava il… celeste ‘bucato’.
Calati in una dozzina, da ogni parte d’Italia e non solo, ognuno di noi portava con sé – oltre ai propri negativi – esperienze e visioni del mondo differenti. Ciascuno ha condiviso idee e proposte.
Tutti ne hanno tratto spunti e nuova linfa per futuri sviluppi (al sole, in camera oscura o chiara che sia). Nessuno è tornato a casa a mani vuote.

Da bravi apprendisti cianotipisti – ci mancava giusto un cappello turchino – abbiamo steso ad asciugare al sole (prima del temporale) decine e decine di stampe color cobalto!
Uno spettacolo ultraterreno.
E se fosse necessario (lo è, lo è) al ‘giorno blu’ si ha avuto la netta sensazione che fotografia, ricerca, sperimentazione e gioco possano andare di pari passo e che la parola d’ordine perché questo accada sia: condivisione.

Quindi.
Tra una cottura e un brindisi, una stesura di reagenti e una fetta di torta, io, personalmente, ho capito che:

  • Lavorare in compagnia è la cosa più bella che ci sia!
  • Quando pensi di aver fatto chissà quale scoperta mega-artistica, scopri che qualcun altro, accanto a te, sta già andando oltre, mescolando idee, tecniche e spunti: una girandola infinita di potenzialità.
  • I reagenti funzionano anche sulla pelle (forse, alla lunga, questo azzurrino sul gomito mi verrà via, chissà)…
  • Quando immergi la stampa in acqua ossigenata, fai per forza ‘Wooooooooooow’!
  • Le dosi che mi hanno dato da portar via mi basteranno per poco… la cianotipia crea dipendenza!

Ma, soprattutto, ho imparato che io non adoro soltanto il blue Kline, ma tutto questo blu-celeste-azzurro-cobalto-turchese che salta fuori giocando, studiando, lavorando, provando, creando a colpi di ferricianuro di potassio e citrato ferrico ammoniacale.

La ricetta del Cyanotype Day, allora, è presto detta:

  • Soluzione rossa e soluzione verde in parti uguali.
  • Sole e acqua, q.b.
  • Bevande e viveri per un pic-nic pantagruelico.
  • Amici, in quantità.

Da somministrarsi almeno una volta all’anno!

Di seguito il video realizzato on-location da Andrea Casanova e la gallery dei cianotipi realizzati.

Video

Cianotipi

Articolo di Alle Bonicalzi