Home » Fidel Castro’s last trip

Fidel Castro’s last trip

Based on a story by Silvio Spillo Gianesella
Photographs of Silvio Spillo Gianesella
written by Davide Rossi 

 

raul-announces-fidels-death

 

There are events in history that trace an indelible furrow.

Cuba, November 25, 2016, shortly after midnight Raul Castro announces the death of the “lider maximo” Fidel Castro.

He was 90 years old and for about sixty years has been the protagonist of the island of Cuba becoming an icon of the radical left-wing politics in the whole world, a legendary life when he was able to defy the greatest power of the world, the United States .

Very contrasting the reaction of the Cuban people, whether in the Havana media pledged to defend “La Revolucion” that Castro has built with his people, the Cubans in Miami rejoiced and cheered against what they call a dictator.

Cuba is definitely in front of the beginning of a new era, this historical moment marked by strong contrasting reaction of a great people like the Cubans, it has moved within me the desire to document their final respects to Fidel, for three days his ashes would trail the triumphant journey of 1959, from the capital to Santiago de Cuba.

 

Ci sono eventi nella storia che tracciano un solco indelebile.

Cuba, 25 novembre 2016, poco dopo la mezzanotte Raul Castro annuncia la morte del  “lider maximo”  Fidel Castro.

Aveva 90 anni e per circa sessant’anni è stato protagonista dell’isola di Cuba diventando un’icona della politica di sinistra radicale nel mondo intero, una vita leggendaria in cui è stato capace di sfidare la più grande potenza al mondo, gli Stati Uniti.

Molto contrastante la reazione del popolo cubano, se a L’Avana i media si sono impegnati a difendere “La Revolucion” che Castro ha costruito insieme al suo popolo, i cubani a Miami gioivano ed esultavano contro quello che definiscono un dittatore.

Cuba è sicuramente di fronte l’inizio di una nuova era, questo momento storico accentuato dalla forte reazione contrastante di un grande popolo come quello dei cubani, ha mosso dentro di me il desiderio di documentare l’estremo saluto a Fidel, per tre giorni le sue ceneri avrebbero percorso il tragitto trionfale del 1959, dalla capitale fino a Santiago de Cuba.

 

Friday, December 2, 2016 12 am, I’m on board the flight to Havana, I brought films, my Leica M3, a handful of technology and two friends who play a supporting role for the reportage.

 

Waiting at the airport, after long and meticulous customs checks, there are Sandro and Cristina Cosmano, she is a photographer for National Geographic, we become immediately aware of the magnitude of the event as soon as we realize that all of Havana already booked and there are no flights or bus available to move up to Santiago de Cuba.

Venerdì 2 dicembre 2016 ore 12 a bordo del volo per L’Avana, mi sono portato pellicole, Leica M3, una manciata di tecnologia e due amici che mi faranno da spalla per il reportage.

Ad aspettarci all’aeroporto, dopo lunghi e minuziosi controlli in dogana, ci sono Sandro e Cristina Cosmano, lei è una fotografa del National Geographic, ci rendiamo subito conto della portata dell’evento appena constatiamo che tutta L’Avana è prenotata e non ci sono voli o autubus disponibili per spostarsi fino a Santiago de Cuba.

 

We rent a car and we venture to more than 2000 kilometers, immediately after witnessing the reversal of a truck with a triple trailer, we stop for the night arriving at its destination the next afternoon.

In Santiago we find hospitality in a house, we do not lose even a moment, the adrenaline is high, and the cameras are ready to shoot.

The brisk walk makes my heavy breathing, the magic, the colors, the reactions, the crowd … we are in Cuba!

Hard to find just the right concentration, emotions are many and conflicting, I am in the place where it all happens!

Noleggiamo un’auto e ci avventuriamo per 2000 chilometri turnandoci alla guida, subito dopo aver assistito al ribaltamento di un camion con triplo rimorchio, ci fermiamo per la notte giungendo a destinazione il pomeriggio seguente.

A Santiago troviamo ospitalità in un’ abitazione, non perdiamo neanche un attimo, l’adrenalina è alle stelle e le fotocamere sono già al collo.

Il passo spedito rende il mio respiro affannato, la magia, i colori, le reazioni, la folla… siamo a Cuba!

Difficile entrare subito sul pezzo, le emozioni sono tante e contrastanti, sono nel luogo in cui tutto accade!

Before I realize I have arrived at Plaza de la Revoluciòn, a meeting place of the authorities, I have already rolled out several films, the square is crowded, I move with difficulty:

“Yo soy Fidel, yo soy Fidel”

A growing chorus of people praising the commander.

Castro was a dictator, but he was also loved by most of his people, I met Cubans, I caught feelings of great respect in people of every rank and profession, I saw them crying tears of deep emotion, I met men and women who have traveled thousands of kilometers in every way just to be present at the extreme greeting.

Prima di accorgermi di essere arrivato a Plaza de la Revoluciòn, luogo d’incontro delle autorità, ho già srotolato diverse pellicole, la piazza è affollata, mi muovo a fatica:

“yo soy Fidel, yo soy Fidel”

Cresce il coro del popolo che inneggia al comandante. 

Castro era un dittatore, ma era anche amato da gran parte del suo popolo, ho incontrato i cubani, ho colto sentimenti di grande rispetto nelle persone di ogni rango e professione, ho visto piangere lacrime di profonda commozione, ho conosciuto uomini e donne che hanno percorso migliaia di chilometri con ogni mezzo pur di essere presenti all’estremo saluto.

 

As in a long and complicated marriage made of moments of love and hate, the people of Cuba is separated from a part of himself, leaving space for hope for a future of great change, but without abandoning tradition.

I rediscovered the magical essence of photography, I look at my pictures, I relive those moments, I was there!

 

Come in un lungo e complicato matrimonio fatto di momenti di amore e odio,  il popolo di Cuba si separa da una parte di sé, lasciando spazio alla speranza per un futuro di grande cambiamento, ma senza abbandonare la tradizione.

Ho riscoperto l’essenza magica della fotografia, guardo le mie foto, rivivo quei momenti, io c’ero!

 



 

Lascia Un Commento